News /

TENNISTAVOLO: ARRIVA IL PRIMO STOP PER IL CTT TARANTO

Contro Catanzaro la compagine di Čekić perde 5-3, cedendo lo scettro del girone
Primo semaforo rosso per la Olio Pantaleo Taranto, costretta a cedere passo e vetta al Tennistavolo Catanzaro. Un k.o. tutto sommato equanime, vista l’ottima condotta dei calabresi, bravi a rimontare il 2-0 iniziale e a profondere la giusta verve agonistica per tutti i restanti incontri.
Vigilia alquanto tesa, a cagione della valenza del match, da ambo le parti. Gli ionici, benchè dati per sfavoriti, affilano le unghie già in fase di riscaldamento. Di contro, gli ospiti, giunti a destinazione sul filo del rasoio, s’illuminano alla luce del faro Olawale, tecnico-giocatore al quale la B2 andrebbe stretta quanto la XS a Bud Spencer.
Eppure, i primi due capitoli dell’epopea pongistica di Santa Lucia recitano a favore dei tarantini: dapprima Stamenkovski blocca e liquida il pur buono Puglisi (numero 161 del ranking) con il sonoro punteggio di 3 a 0, poi Gasić serve la medesima portata indigesta a Martino. Il terzo match, prevedibilmente una mattanza, si trasforma tuttavia in una vera e propria gronda di sudore per il ‘coloured’ Olawale: il Golia nigeriano, vede annientarsi un corposo capitale di due set a zero, grazie ai dardi scagliati dal David Piaccione, tutt’altro che remissivo e battuto soltanto al quinto set. A Gasić, poi, il compito di allungare le distanze, ma risultante vano: il più pimpante e agile Puglisi gli impartisce una dura lezione, con tanto di bacchica esultanza. Il pari viene legittimato dal trasparente successo di Olawale su Stamenkovski (lo slavo lamenta diversi servizi irregolari del suo avversario, non ravvisati dal direttore di gara). Il 3-3 è siglato da Piaccione, vincente 3-0 su Martino. Nuovo vantaggio griffato Olawale su di un impercettibile Gasić. Il punto finale è opera di Puglisi, lesto a chiudere per 3 a 2 su Piaccione e a regalare il sorpasso in classifica. 
Onore e merito alla truppa calabra, quantunque non nettamente superiore. Doccia fredda e stufa per gli ionici, già proiettati all'interessante derby di Molfetta. Perchè la B1 non è un miraggio.
ALTRI RISULTATI: E non azzardatevi a chiamarla sorpresa. La Givova, oramai a punteggio pieno, continua a stupire, depredando il terreno dell'Utopia Lecce. Un 5 a 1 finale testimone di una gara pressochè a senso unico per i tarantini, capitalizzata grazie alle doppiette di capitan Vipera e del birbante Tundo, nonchè al punto di Pancotto. Nello stesso girone, una bocca di aria fresca per il C.T.T., vincente in casa dell'Olimpia Martina con un buon 5-2, frutto delle grandi giocate di Grassi (per l'ex presidente del sodalizio ionico ben tre punti) e Natali (autore di una doppietta).
 Sfortunata e corrucciata la Gruppo Exoert Cavallo, che nel Girone A di C2, a seguito di un match tiratissimo, deve arrendersi al cospetto del quotato Azzurro Molfetta, benchè dopo una prova maiuscola: 5-4 il finale per i baresi, che subiscono i due punti cadauno di Sperti e Buccolieri.
Sorride anche il C.T.T. dei 'babies' nel campionato di D2. I giovani pongisti ionici si impongono per 5-3 sull'Olimpia Martina (due punti ciascuno per Leone e Giannico, uno per Di Tommaso).

Pubblicata il 17.12.2014 Torna indietro