News /

BASKET: IL CUS JONICO LOTTA MA PERDE A PALERMO

Torna a mani vuote la Casa Euro Basket Taranto dalla lunga trasferta di Palermo. Non si poteva però chiedere di più alla squadra di coach Leale che, senza Potì e Sirakov, ha fatto sudare parecchio la Nuova Aquila seconda forza del campionato. Con una squadra infarcita di giovani Virtus, il Cus Jonico è rimasto in partita fino all’ultimo quarto, a quella tripla del -5 di De Paoli a 3’ dalla fine che poteva far pensare ad una rimonta incredibile. Ed invece i siculi hanno retto grazie alle triple di Rizzietiello (22), Cozzoli (15) e Gottini (18). Ma resta la partita dei vari Salerno, Tabbi, De Paoli e Giancarli, tutti in doppia cifra, oltre ai 7 di Conte e ai primi punti di Pentassuglia.
Sirakov è in panchina solo per onor di firma, Potì è spettatore non pagante: coach Leale “promuove” Conte in quintetto con Salerno, Giancarli, Tabbi e De Paoli. Marletta opta per Giovanotto, Rizzitiello, Merletto, Gottini e Antonelli.
Gottini dimostra di avere la mano calda e segna subito una tripla, saranno tre di fila per lui. Infatti dopo il 2-3 firmato Salerno il Cus Jonico subisce la precisione dei siciliana che vanno a segno con Giovanotto, Merletto, Rizzitiello da tre e appunto altre due triple di Gottini che costringono Taranto, che ha solo un altro canestro di Conte ed un libero di Tabbi, al time out sul 16-5 per i padroni di casa al 5’. La sveglia suonata da coach Leale fa bene alla Casa Euro che si mette in ritmo a cominciare dal primo canestro di De Paoli a cui ne segue un altro intervallato da quello di Salerno. Palermo però tiene alta la percentuale con Rizzietiello e resta a +11 prima della tripla di Giancarli che riavvicina i delfini alle aquile. Leale lo aveva detto, “darò spazio ai miei under” ed è di parola gettando nella mischia prima Stola e poi Pentassuglia ma è di Tabbi il canestro che chiude il quarto sul 24-18 per Palermo.
La palla recuperata e il seguente canestro di De Paoli in apertura di quarto segnano il -4 per Taranto che è ampiamente in partita anche dopo altre due triple dei padroni di casa, con Cozzoli. Infatti dal -10 Giancarli e Salerno riportano a -6 i rossoblu al 14’. Regna un sostanziale equilibrio ora ma la differenza, per Palermo, la fanno sempre i tiri da lontano che invece al Cus Jonico sono assenti. Ed allora, dopo aver plaudito al primo canestro di Pentassuglia, quel che di buono fa ancora il tandem di piccoli, Salerno e Giancarli, viene reso inutile dalle triple di Giovanotto e quella di Cozzoli sulla sirena del secondo quarto per il 41-29 Palermo all’intervallo. 
Il terzo quarto si apre con la Nuova Aquila che vola a +16 con Dragna e Rizzietiello, Salerno rompe il sortilegio dei tiri da tre per gli ospiti che però non riescono a dare continuità alla fase realizzativa nonostante i canestri da sotto di Tabbi e De Paoli. L’ennesima tripla di Cozzoli sigla il 58-40 dei padroni di casa al massimo vantaggio al 27’. Ma il Cus ha un altro moto d’orgoglio e con la tripla di Tabbi più i canestri di Giancarli e Conte che riportano sotto Taranto, sul 62-51 alla fine del terzo quarto.
Ultimo quarto che Taranto comincia di buona lena con Tabbi e De Paoli a realizzare il -7 ma come in un eleastico, sul più bello Palermo ritrova la retina e si riporta a +11. In questo ping-pong fa la differenza De Paoli che segna da lontano il 70-65 a 3’ dalla fine facendo sognare i cussini che poi hanno con Giancarli la palla del -2 ma il ferro sputa la tripla e come una sentenza dall’altra parte Rizzietiello segna, subisce il fallo e realizza il libero supplementare che rimette in cassaforte i due punti per la Nuova Aquila che chiude 79-70.
Per Taranto la consapevolezza di averci provato ancora una volta in piena emergenza e l’appuntamento ai propri tifosi per una pronta riscossa, domenica prossima, alle ore 18 al PalaMazzola contro Monteroni.

Coach Leale stringe la mano (foto Eugenio Pullara)

Pubblicata il 26.01.2015 Torna indietro