News /

BASKET, VIRTUS TARANTO KO ALL'ESORDIO

Difficile chiedere di più. La Virtus Pallacanestro Taranto comincia con un sconfitta, ma a testa alta, la sua avventura nel suo primo e storico campionato di Serie D. La squadra di coach Santoro, ancora in fase di rodaggio, è stata battuta per 78-60 sul campo della Murgia Basket Santeramo rivelatasi troppo forte soprattutto con i suoi due americani Mayes e Neal che hanno “segnato” la partita con 19 e 18 punti. Comunque onore agli orange tarantini, per l’occasione con la maglia blu, che hanno provato fino alla fine a rientrare in partita spinti dalle triple di De Bellis (14) e Prisciano (8) mettendo in luce i suoi giovani, bene anche Pentassuglia, con sprazzi di esperienza dalle mani “sempreverdi” di Salvatore Massari top scorer a quota 18 oltre che dagli altri over Panzetta, Venuto, Iodice e Luzzi provenienti dalla Montedoro San Giorgio.
Che le cose siano cambiate rispetto al campionato Promozione vinto lo scorso anno la Virtus lo capisce subito subendo in avvio il 16-7 di break dei padroni di casa. Ma la reazione non è da meno con uno 0-5 che “rimedia” in chiusura di quarto: 16-12. Il parziale che fa la differenza è il secondo nel quale Santeramo preme sull’acceleratore, con i due americani sempre sugli scudi, lasciando Taranto 16 punti dietro (38-22).
Intervallo utile a coach Santoro per schiarire le idee ai suoi che infatti nella ripresa riescono a fare gara pari con la formazione barese. De Bellis e Prisciano infilano un paio di triple che per un attimo riducono anche il gap a 63-51 ma ogni volta che Massari e compagni sembrano poter rientrare pienamente in partita arriva una giocata della Murgia Basket che rispedisce gli orange sull’orlo dei -20 (72-52). A chiudere incontro e punteggio sono due liberi di Porfido che fissano il risultato sul 78 a 60.
La strada è ancora lunga e in salita ma il gruppo della Virtus ha voglia di percorrerla. Prossima fermata, sabato prossimo 3 ottobre, in casa al Palazzetto Bernini di San Giorgio Jonico, contro il Club Giganti Cisternino.

Pubblicata il 29.09.2015 Torna indietro