News /

PALLANUOTO, MEDITERRANEO SPORT KO ALL'ESORDIO CON CROTONE

Il risultato finale era prevedibile. Ma per la Mediterraneo Sport era fondamentale rompere il ghiaccio. E' finito con una sconfitta l'esordio del 'sette' arancioblù nel girone 6 del campionato di serie C di pallanuoto: l'Auditore Crotone si è imposta a Taranto con il punteggio di 7-17.
Troppo esperta e troppo fisica la formazione calabrese per i padroni di casa, composti quasi totalmente da giocatori Under 17 e quindi un po' spaesati all'impatto con il campionato maggiore.
Ma la volontà e la determinazione ha permesso ai 'leoni' della Mediterraneo di tenere bene il campo fino al terzo quarto: nel secondo parziale, addirittura, gli jonici si sono imposti per 3-2. Da dimenticare l'ultima frazione, caratterizzata anche da qualche errore arbitrale.
Pronti via, dopo pochi secondi la Mediterraneo è già in svantaggio per un rigore realizzato da Chiodo. Ma la reazione tarantina è immediata e Orlando sigla meritatamente il pari. La rete dell'1-2 disunisce gli uomini di Mauro Birri che consegnano un paio di palle agli avversari e scivolano sull'1-5. Il momento migliore di Taranto arriva nel secondo quarto: Latanza e una doppietta di Bando erodono lo svantaggio fino al 4-7, la Mediterraneo adesso riesce a giocare alla pari con i titolati avversari.
La preponderanza fisica del Crotone emerge nella frazione successiva: i gol di Renna e Caricasole contengono a fatica l'allungo dell'Auditore. L'ultimo tempo è senza storia: la Mediterraneo si innervosisce per la direzione di gara alquanto 'permissiva' e subisce altre tre reti. L'ultima firma sull'incontro è quella di Mattia Di Noi, nella doppia veste di giocatore e allenatore in seconda.
Del tutto meritato il successo del Crotone. Troppo severo, però, il risultato finale per i tarantini, autori di una buona prova. «Abbiamo pagato dazio all'inesperienza - commenta a fine gara il tecnico della Mediterraneo, Mauro Birri - . Sinceramente mi aspettavo qualcosina in più dai miei ragazzi: ci siamo lasciati prendere dall'emozione ma dieci gol di scarto sono troppi. Alcuni errori tecnici dell'arbitraggio ci hanno condizionato: se si premia troppo la fisicità in acqua, le squadre più 'leggere' finiscono per essere penalizzate».
Il 'sette' arancioblù tornerà subito in acqua sabato 20 febbraio: alle 13.15 presso la Piscina Masseriola di Brinidisi affronterà la Fimco Sport. Gli adriatici, nel match d'esordio hanno violato la vasca della Bio Sport Conversano vincendo con il punteggio di 11-9.

Pubblicata il 17.02.2016 Torna indietro