News /

BASKET IN CARROZZINA, PRIMO KO PER I BOYS TARANTO

En plein mancato. L'ultima partita della regular season del girone D di Serie B per i Boys Taranto Inail ha riservato la prima sconfitta dopo nove vittorie, patita per 52-55 per mano della Lupiae Salento Team Lecce. Il risultato non inficia sul verdetto finale, in quanto la qualificazione ai playoff per la Serie A era in tasca già da tempo, e non serve neanche ai salentini che, nonostante i 14 punti finali, non sono tra le migliori tre seconde classificate. Il regolamento ella Fipic infatti favorisce le squadre dei gironi più deboli, utilizzando quale metro di paragone la classifica avulsa con le terze e quarte classificate dei rispettivi gruppi.
La Lupiae aveva già messo alle corde i bluarancio all’andata, pagando a caro prezzo nell’ultimo quarto l’uscita per falli di diversi elementi; stavolta, pur adottando il solito gioco fisico, sono riusciti a gestire meglio la situazione falli e a resistere al solito finale arrembante degli ionici.
I Boys dal canto loro non hanno espresso il loro migliore basket, a causa della giornata no di alcuni elementi al tiro, ma sono stati sempre reattivi. La squadra lamenta anche un errore della coppia arbitrale nel finale, quando un’infrazione di 8 secondi della Lupiae non è stata sanzionata, concedendo un possesso importantissimo agli ospiti nel punto a punto dell'ultimo minuto.
Il match è stato sempre equilibrato, con la squadra ospite brava a condurre per molti tratti, grazie ad una difesa molto attenta che ha tenuto Calò lontano dal canestro e ha spesso costretto i bluarancio all'infrazione di 24 secondi. Coach Scarano ha iniziato con Eletto in quintetto e Sansolino in panchia, Lecce è partita con il solito strting five con in evidenza subito l'ex Dream Team Stella, la Borin e Campanile in difesa. Calò è crescito con il passaggio ai tre lunghi e i Boys sono riusciti a chiudere il primo quarto avanti (18-17).
Lecce ha avuto un buon momento nel secondo parziale, salendo fino a +9 con i canestri di Spedicato (20-29 al 18'), cui ha fatto seguito il controbreak locale (27-29). La gara si è fatta convulsa, Stella si è gravato del terzo fallo, coach Scarano si è beccato un tecnico per proteste e Lecce ha chiuso avanti all'intervallo lungo (30-34).
Al rientro, Latagliata e Donvito hanno segnato i canestri della parità a quota 36. Bortone ha tenuto in panca Stella (dentro Jiat) senza risentirne (36-42 al 25'), rinserrando la difesa.
Ultimo quarto al calor bianco. Dal -5 iniziale, Taranto è riuscita a rimettere la testa avanti con il canestro di Todaro (break di 8-2 e 45-44 al 34'), ma è stata l'ultima volta.
Il quinto fallo fischiato a Stella (detro Coi) non ha messo in difficoltà Lecce, che è riuscita sempre a stare avanti. Ultima parità a quota 51 con uno scatenato Sansolino, poi Taranto ha sprecato i possessi decisivi, Lecce ha mandato a canestro di Spedicato e l'ex Taranto '93 Ingrosso. L'azione descritta della mancata infrazione di 8 secondi ha chiuso la partita, tra la gioia degli ospiti, sopita dal verdetto amaro, e la delusione dei locali, decisi a chiudere con il “percorso netto” la regular season.
Tempo per aggiustare alcuni meccanisimi ce n'è. Si tornerà in campo solo il 12 marzo, dopo la sosta per i gironi preliminari delle coppe europee, per l'andata dei quarti di finale dei playoff, ed allora i Boys dovranno farsi trovare pronti per questa storica “prima volta” nell'elite della cadetteria.

Foto Serena Veneziano/Four Media

Pubblicata il 29.02.2016 Torna indietro